Cosa sta davvero succedendo a Roma? PDF Stampa E-mail
Pensieri Corsari 001 | 1 ottobre 2016
Non v’è giorno in cui non se ne parli. Il clamore vuoto e assordante del circo mediatico e del clero giornalistico l’ha eletto ormai da settimane ad argomento egemonico, quando non esclusivo, di discussione. 
Alludo, naturalmente, alle discusse vicende di Roma e del neo-sindaco Virginia Raggi. Ma cosa è successo davvero? Che cosa sta sconvolgendo la “città eterna”?
Da un lato, la versione ufficiale: scandali, illeciti, l’usuale corruzione, insomma gli atavici mali che flagellano da sempre il nostro Paese. 
Dall’altro, la versione non ufficiale, minoritaria, che voglio qui proporre, sia pure solo telegraficamente: a Roma è in atto un golpe; un golpe la cui funzione è quella di destituire e delegittimare un’amministrazione – quella di Virginia Raggi – che, a torto o a ragione, è stata eletta democraticamente.
Un’amministrazione che non piace al sempre più orwelliano “Partito Democratico” – che fa democraticamente manganellare i manifestanti a Catania, per intenderci – e che nemmeno è gradita a chi tutto l’interesse economico ha a che si facciano a Roma le Olimpiadi. 
Insomma, Virginia Raggi non piace alle èlites, a quelli che decidono sul fondamento del loro potere neofeudale di tipo economico: ed è per questo che, a mio giudizio, occorre appoggiarla. Augurandole di governare bene e di tirare avanti per la propria strada, magari assumendo – una volta tanto – come prioritari gli interessi dei cittadini, e dunque i diritti sociali e la sempre più disertata (a destra come a sinistra) questione del lavoro. 
L’abbiamo ormai capito tutti, del resto. Nell’odierno quadro storico, la democrazia è tollerata fintantoché le scelte democratiche coincidono con quelle preventivamente prese dalle èlites. Ove tra le due si produca un conflitto, devono essere sempre le seconde a prevalere. In nome, ci dicono, della “governabilità”, lo specchietto per allodole per smantellare (pardon, “rottamare”) la democrazia come potere del popolo sovrano. 





Del.icio.us!Google!Facebook!Technorati!Blogmarks!
 
< Prec.
Advertisement